Cittadini 1 – Multinazionali 0!

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi è un giorno importante per la democrazia e la libertà in tutta Europa.

La Corte di Giustizia Europea ha annullato la decisione della Commissione europea di rifiutarsi di considerare l’ICE “Stop TTIP e CETA“, ovvero l’iniziativa dei cittadini europei con cui milioni di cittadini europei si sono schierati contro questi raccapriccianti trattati commerciali.

È un’ottima notizia che mette una volta per tutte la Commissione europea con le spalle al muro, decretando che questa non può più far a meno di vedere e sentire le richieste dei cittadini. La Commissione aveva vigliaccamente liquidato la petizione di milioni di cittadini, adducendo come pretesto un’interpretazione dei trattati secondo la quale questo tipo di iniziativa popolare non poteva avere ad oggetto l’atto con cui si era dato inizio ai negoziati.

La Corte invece ribatte che i cittadini devono essere sempre ascoltati quando si modificano parti fondamentali dell’assetto istituzionale dell’UE.

Il principio della democrazia, che è uno dei valori fondamentali dell’UE, non può essere negato!

Ora la Corte obbliga la Commissione a prendere in considerazione la voce dei cittadini tramite l’ICE.

Fine dei giochetti: la Commissione non può più trincerarsi dietro cavilli e pretesti giuridici. Le richieste dei cittadini vanno ascoltate!

La battaglia non è finita ma noi saremo qua, ancora una volta, a farci portavoce della volontà dei cittadini!

Da sempre il MoVimento si batte per questo, avanti con la democrazia diretta, basta soprusi e interessi finanziari a scapito della salute dei cittadini!

Ti potrebbe interessare anche


Sharing Economy: quali vantaggi e quali rischi?

Apriamo i giornali, accendiamo la televisione, e ci rendiamo conto che l’economia collaborativa, insieme alla globalizzazione, è diventata la tematica principale per quanto riguarda l’evoluzione del mercato del lavoro europeo. Spesso però, lo è diventata in modo problematico, quasi polemico direi, come fonte di preoccupazione e acceso dibattito. E questo anche per un certo approccio … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare


La Sagra dei Osei tortura gli uccelli

Leggo sul Gazzettino di una presunta circolare del Ministero dell’Ambiente in cui la Sagra dei Osei sarebbe stata definita come “una tortura per gli uccelli”. Cito testualmente ciò che viene riportato nell’articolo: “La Sagra dei Osei non è una festa della natura, bensì un evento in cui si pratica la tortura degli uccelli, costretti in … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare


Re-immaginiamo le città con il trasporto pubblico gratuito

Le emissioni delle vetture, il traffico, l’accesso ai servizi fondamentali esclusivamente tramite l’automobile privata rappresentano delle forti problematicità che peggiorano la qualità di vita nelle città. Provate solo ad immaginare di quanti spazi verdi potremmo disporre se non avessimo bisogno di tutti quei parcheggi, spesso troppo affollati o addirittura inutilizzati, avendo un sistema di trasporto … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare


Un triste primato italiano

La rivista scientifica di ambito medico Lancet Oncology ha pubblicato un aggiornamento sull’incidenza a livello mondiale del cancro nell’infanzia (0-14 anni) e nell’adolescenza (15-19 anni) nel periodo 2001-2010. L’indagine, condotta dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc), ha riguardato 62 paesi di 5 diversi continenti e fornisce vari spunti di riflessione. Questi dati evidenziano … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare